Oblique Studio, formazione editoriale permanente
oblique studio, artigianato e passione





facebook   twitter   instagram  
I libri di Oblique
Greenwich e Gog, collane per Nutrimenti
I nostri libri con 66thand2nd
Watt magazine

Oblique è per il
software libero





sitemap
 
  I docenti dei corsi di Oblique
   
 

 

Alberto Lecaldano Nato nel 1946, si è occupato di teatro, regia, scenografia e scrittura teatrale, collaborando anche con Luciano Damiani.
Grafico dal 1972 si è occupato di progettazione e coordinamento della immagine per l’industria, progettazione grafica per servizi alle aziende, editoria, riviste e prodotti stampati. Ha fondato rivista Progetto grafico e l’ha diretta dal 2003 al 2012, portandola a essere la più importante rivista di grafica italiana.
Ha insegnato grafica all’università Sapienza di Roma e Grafica editoriale all’Isia di Urbino. Dal 2001 cura tutti gli aspetti grafici e di comunicazione visiva della casa editrice Voland. 




Materiali
- Leggi l’intervista a Lecaldano di comuniclab.it;

 

Giudizi degli allievi

  1. La sua lezione mi ha un po’ delusa. Ha ripetuto molte cose che avevamo già affrontato in impaginazione e ha tralasciato tutta la parte sulle copertine che, almeno per quanto mi riguarda, era l’argomento che più mi interessava e che ero ansiosa di esplorare (Daniela Pezzella);
  2. La lezione di Lecaldano è stata interessante, ma avremmo potuto parlare un po’ più di grafica e un po’ meno di impaginazione. La classifica delle copertine più belle, e le sue osservazioni, intuizioni, interpretazioni delle immagini mi hanno colpito molto (Monica Pezzella);
  3. Un punto di vista sulla grafica diverso da quello che conoscevo (avevo assistito a un paio di lezioni di Falcinelli) ma altrettanto interessante. Poco brillante l’eloquio;
  4. Si avverte a pelle la sua preparazione in fatto di copertine, quindi perché fare un uso così eccessivo del proiettore? Quando parlava a braccio riusciva a catturare facilmente e più a lungo la mia attenzione. È un ospite che può dare molto di più di quel che dà agli allievi (Annalisa Milone);
  5. Un grande esperto di grafica editoriale che però si è perso in una lezione un po’ fumosa e poco incisiva. Peccato, ma rimane la sua grande autorevolezza in materia;
  6. Una carrellata di copertine, di idee e di modi di pensare alla linea grafica di una casa editrice. Purtroppo la lezione è volata e noi avremmo voluto soffermarci più a lungo (Serena Digrandi);
  7. Discorso molto importante sull’analisi delle copertine e sul suo ruolo di grafico. Suggerirei per una prossima edizione di affiancare un approccio pratico per quanto riguarda la realizzazione delle copertine (in parte affrontato in una lezione da Giuliano Boraso);
  8. Lecaldano ha mostrato un gusto molto deciso e personale riguardo al lavoro editoriale in generale, e a quello del grafico in particolare. Ho trovato alcune sue idee un po’ rigide ma l’esperienza nel campo è ampia. Nel complesso l’incontro è stato utile (Cecilia Cruccolini);
  9. La sua lezione è stata un po’ senza senso. Dava per scontate conoscenze di grafica (anche di “senso grafico”) che non avevo. Lui almeno la lezione se l’è preparata, ma non è riuscito a esporne neanche metà, perdendo spesso il filo del discorso (Francesco Conte);
  10. Lezione forse un po’ troppo centrata sull’aspetto tecnico. L’ho trovata meno interessante di altre lezioni tenute da docenti esterni (Simone Schezzini);
  11. Non mi è rimasto molto impresso. Non mi ricordo granché della sua lezione (Federico Cenci).


chiudi