Oblique Studio, formazione editoriale permanente
oblique studio, artigianato e passione





facebook   twitter   instagram  
I libri di Oblique
Greenwich e Gog, collane per Nutrimenti
I nostri libri con 66thand2nd
Watt magazine

Oblique è per il
software libero





sitemap
 
  I docenti dei corsi di Oblique
   
 

Anna Tagliavini

Nata sul lago di Garda, ha poi abitato a Milano, dove ha studiato lingue e letterature straniere (inglese, francese e tedesco) all’Università Cattolica, e dal 1988 a Roma, dove vive tuttora.
Lavora nell’editoria dal lontanissimo 1982, quando viene assunta come giornalista praticante – e in seguito professionista – in un piccolo ma battagliero settimanale d’attualità. Successivamente ha intrapreso a tempo pieno l’attività di traduttrice editoriale, spesso in collaborazione con la collega e amica Maria Baiocchi.
Oltre a moltissimi articoli per riviste e siti internet, in particolare per Reset e MicroMega, ha tradotto libri d’arte e di fotografia, soprattutto per il Palaexpo di Roma e per Contrasto.
Per AIDOS, Associazione per le donne in via di sviluppo, traduce ogni anno il Report delle Nazioni Unite sullo stato della popolazione e altri documenti.
Ha collaborato e/o collabora con molte case editrici tra cui Gamberetti, Rizzoli, Elliot, Playground, Contrasto, Alet, Feltrinelli, Reset, MicroMega, Aidos, PalaExpo/Skira, Bompiani, Christie’s, La nave di Teseo, Edizioni San Paolo, Ponte alle Grazie, Donzelli, Ianieri, 66thand2nd. Attualmente sta lavorando a testi in via di pubblicazione per Feltrinelli, Treccani e Einaudi.
Tra i molti, spesso straordinari, autori che ha tradotto – da sola o a quattro mani con Maria Baiocchi:

  • Noam Chomsky, I cortili dello zio Sam e Il club dei ricchi, Gamberetti, Roma, 1995
  • Edward Said, Cultura e imperialismo, Gamberetti, Roma, 1995
  • Ken Loach, La canzone di Carla (sceneggiatura), Gamberetti, Roma, 1996
  • Jojo Mojes, L’ultima lettera d’amore, elliot, Roma, 2010
  • Walter Kirn, Tra le nuvole, Rizzoli, Milano, 2010
  • Dan Simmons, Drood, Roma, elliot, 2010
  • Jeffery Deaver, Il filo che brucia, Rizzoli, Milano, 2010
  • Elif Shafak, Le quaranta porte, Rizzoli, Milano, 2011
  • Max Kozloff, La luce di Vermeer, Contrasto, Roma, 2011
  • Francis S. Fitzgerald, L’amore dell’ultimo milionario (ovvero Gli ultimi fuochi), Alet, Padova, 2012
  • John Steinbeck, La valle dell’Eden, Bompiani, Milano, 2014
  • Elizabeth Gilbert, Il cuore di tutte le cose, Rizzoli, Milano, 2014
  • Thomas Wolfe, O Lost, elliot, 2014
  • Peter Eisenman, Inside out, Quodlibet, 2014
  • Jane Austen, Persuasione, Feltrinelli, Milano, 2015
  • Jack London, Le strade dell’uomo, Contrasto, Roma, 2015
  • James Ellroy, 53. Un anno al vetriolo, Contrasto, Roma, 2015
  • Allan Gurganus, L’esca (e altri), Playground, Roma, 2016
  • Ann Patchett, Il bene comune, Ponte alle Grazie, Milano, 2017
  • Ayobami Adebayo, Resta con me, La nave di Teseo, Milano, 2018
  • Madeleine Thien, Non dite che non abbiamo niente, 66thand2nd, Roma 2017 e Simple Recipes (di prossima uscita presso lo stesso editore)
  • Rawi Hage, De Niro’s Game (di prossima uscita)
  • A.M. Homes, diversi titoli di cui l’ultimo, i racconti di Days of Awe, è in uscita per Feltrinelli

 

 

 


chiudi