Oblique Studio, editoria e passione, studio editoriale e agenzia letteraria
oblique studio, artigianato e passione





facebook   twitter   instagram  
I libri di Oblique
Greenwich e Gog, collane per Nutrimenti
I nostri libri con 66thand2nd
Watt magazine

Oblique è per il
software libero





sitemap
 
 

Oblique è agenzia letteraria

Oblique su D
8x8
editoria digitale, ebook
parole oblique
dicono di Oblique
 

Atomi, le flashfiction di Oblique Studio

Atomi
Quando la fiction si fa flash

Ecco i risultati della Call #3 – Sintomi della minaccia
10 agosto-15 settembre 2020
Diventano Atomi della nostra tavola periodica:

- Benedetta Bendinelli, Territorio Foul
- Daniel Coffaro, Altre cose da conservare
- Matteo Macchia, La piramide

Gli Atomi sono papiri orizzontali, testi brevissimi da attraversare in punta di dito. Gli Atomi sono aggregati minimi di materia letteraria, storie capaci di far brillare il talento su Instagram, in una cartella soltanto. Entrate nella nostra tavola periodica, esattamente ogni due settimane.

*

Call #3 – Sintomi della minaccia
10 agosto-15 settembre 2020

Spesso le minacce sono invisibili, si annidano da qualche parte e non si riesce a dare loro una forma. Altre volte hanno facce e nomi, altre ancora corpi. Per alcuni le minacce sono onde che fanno tremare o l’eco di battaglie mai combattute.
Palesi o no, placabili o meno le minacce sono sempre dentro di noi. Raccontatene i sintomi.

Avete duemila battute a disposizione. Dal 10 agosto al 15 settembre 2020 potete inviare i testi in formato doc così nominati cognome-nome_atomi_call3.doc a:

atomi@oblique.it

Oggetto della mail: «Atomi, call#3, Sintomi della minaccia». Indicate i vostri dati essenziali, compresi i vostri indirizzi social, sia nel corpo della mail sia nel file. Includete una vostra biografia in 14 parole e una tradizionale in terza persona in massimo 400 caratteri.

*

Ecco i risultati della call #2
Cold case
5-20 luglio 2020

Diventano Atomi della nostra tavola periodica:

Caterina Bonetti, Muky
Marica Di Teo, L’antimaterico
Valeria Lattanzio, Dick
Massimiliano Maestrello, Sorridete, state dritti, composti
Stefania Maruelli, Via Candiani

*

Atomi, call #2, cold case
Periodo per inviare: dal 5 al 20 luglio 2020
Lunghezza massima 2000 battute

«Niente è perduto per sempre, Sarah.
Niente che non possa essere ritrovato.»
Stephen King, La zona morta


I cold case sono casi irrisolti, delitti, misteri a pista fredda in cerca di verità; reati, sparizioni, senza colpevoli, senza la parola fine.
Vi chiediamo di scegliere un cold case italiano, reale e documentato, e di interpretarlo con un Atomo.

Avete duemila battute a disposizione. Dal 5 al 20 luglio 2020 potete inviare i testi in formato doc così nominati cognome-nome_atomi.doc a:

atomi@oblique.it

Oggetto della mail: Atomi, call#2, cold case. Nel corpo della mail e nel file indicate i vostri dati essenziali, il caso scelto e riportate una vostra biografia in 14 parole e una tradizionale in massimo 400 caratteri.

Faq
- Potete mandare un solo racconto per call.
- I testi devono essere inediti su carta e sul web.
- Se usate pseudonimi dovete indicare il nome reale.
- Inviando il testo accettate la pubblicazione e la diffusione su ogni mezzo dell’atomo e della biografia. Oblique si riserva di pubblicare i testi su retabloid e su altre opere antologiche.
- I diritti d’autore ritornano ai proprietari subito dopo la pubblicazione.

*

Ecco i risultati della call #1 (10-20 giugno 2020).
Diventano Atomi della nostra tavola periodica:

Alessia Del Freo, Quello che non è successo
Claudia Grande, Addomesticare
Paolo Grassi, Kit
Alberto Grillo, Tacchi
Alessandro Lusitani, Perossi
Andreea Simionel, Macchie bianche.

*

Atomi, call #1
Periodo per inviare: dal 10 al 20 giugno 2020
Lunghezza massima: 2000 battute

«Andiamo, sapienti e presuntuosi, vi davate troppa importanza. Il mondo non è mai stato così vivo, come oggi che una certa razza di bipedi ha smesso di frequentarlo. Non è mai stato così pulito, luccicante, allegro. […]  Crisopoli è vuota. Ordinata, tranquilla, nelle strade, nelle piazze, sui quais come in centro, quale doveva essere quella notte, alle 2; ma vuota. […] Io sono al buio. Non vedo, quello che mi sta succedendo, a che cosa riferirlo («a che scopo?»). Ossia non lo situo, non gli trovo un posto. Mentre lo soffro.
Lo soffro: ciò che sta succedendo, “mi” sta succedendo, io ne sono parte essenziale. Ne fossi anche solo puro spettatore, potrei affermare che quello che succede succede per me.»

I primi Atomi celebrano il genio di Guido Morselli, che in Dissipatio H.G. ha descritto le macerie della Terra dopo la sparizione dell’uomo attraverso la voce dell’ultimo rimasto: nella solitudine del suo confessionale la natura si riappropria dei suoi spazi, le strade sibilano l’assenza e le metropoli il silenzio.
Raccontateci con il grado di trasfigurazione che volete come avete vissuto e state ancora vivendo questo isolamento.

Avete duemila battute a disposizione. Inviate i testi in formato doc così nominati cognome-nome_atomi.doc a atomi@oblique.it.

Oggetto della mail: Atomi, call #1.
Indicate sia nel file sia nella mail i vostri dati essenziali (compreso Instagram, se lo avete) e una vostra biografia in 14 parole.

Glli Atomi più belli saranno pubblicati sul nostro profilo Instagram @obliquestudio e su @atomi_oblique.it e su retabloid.


Faq
- Potete mandare un solo racconto alla volta.
- I testi devono essere inediti su carta e sul web.
- Gli autori inviando i loro testi accettano la pubblicazione e la diffusione su ogni mezzo del testo e della biografia.
- Oblique si riserva di pubblicare i testi su retabloid e su altre opere antologiche.
- I diritti d’autore ritornano ai proprietari subito dopo la pubblicazione.