Oblique Studio, il nostro essere è il nostro agire
oblique studio, artigianato e passione





facebook   twitter   instagram  
I libri di Oblique
Greenwich e Gog, collane per Nutrimenti
I nostri libri con 66thand2nd
Watt magazine

Oblique è per il
software libero





sitemap
 
 

Oblique è agenzia letteraria

Michele Orti Manara
Cose da fare per farsi nel male
Giulio Perrone

19 gennaio 2024


Michele Orti Manara, Cose da fare per farsi del male, Perrone

Per farsi del male può bastare portare a casa due pappagalli e osservare come si insinuano nella propria vita di coppia, provocando sospetti d’infedeltà. O scavare nell’archivio di un vecchio cinema per anni, cercando una traccia paterna che porti conforto. O magari desiderare in segreto una ragazza in un bar, fino a scivolare in una delirante ossessione. O ancora, ascoltare la voce di un lago, in compagnia di un cane sbucato da chissà dove, per provare a colmare un’assenza. I modi per farsi del male, insomma, sono molti.
Questa raccolta di storie brevi non è un manuale di sopravvivenza, ma una carrellata di personaggi spezzati, tormentati dal passato, travolti dalla frustrazione. Tornano in queste pagine i temi già esplorati da Michele Orti Manara ne Il vizio di smettere (Racconti, 2018) e Consolazione (Rizzoli, 2022): il segreto, l’inquietudine per ciò che dovrebbe essere familiare, il male esperito nell’età dell’innocenza. Eppure, in ognuna di queste storie c’è sempre un portale su una dimensione altra, forse rimossa o forse fantastica, alla quale i personaggi cercano con tutte le loro forze di avere accesso per riuscire a restare a galla.



Dicono di Cose da fare per farsi nel male
- Annalisa Grulli (presentazione), youtube.com, 4 maggio 2024;
- Manuela Bertuccelli, libriamoci913.wordpress.com, 27 marzo 2024;
- Enrico Redaelli, radioblablanetwork.net, 23 marzo 2024;- Alessandro Beretta, la Lettura, 7 aprile 2024;
- Graziano Sala, treccani.it, 27 marzo 2024;
- Redazione (estratto), minima&moralia, 28 febbraio 2024;
- Flavia Capone (podcast), Letture metropolitane, 26 febbraio 2024;
- Marilena Votta, storygenius.it, 26 febbraio 2024;
- Livio Partiti, ilpostodelleparole.it, 25 febbraio 2024;
- Martina Parenti, la Regione, 15 febbraio 2024;
- Alice Pisu, osservatoriocattedrale.com, 12 febbraio 2024;
- Antonello Saiz (intervista), Satisfiction, febbraio 2024;
- Silvia Cardinale Pelizzari, autostradadelsud.it, 25 gennaio 2024;
- Annalisa De Simone, Il Riformista, 24 gennaio 2024;
- Gabriele Grasselli, Gazzetta di Parma, 21 gennaio 2024;
- Gabriele Ottaviani, convenzionali.wordpress.com, 16 gennaio 2024;
- Claudio Tortarolo,Satisfiction, gennaio 2024;
- Redazione, Il Libraio, 27 dicembre 2023.


In particolare
“Fiabe nere da assaporare con calma.”
Manuela Bertuccelli, libriamoci913.wordpress.com, 27 marzo 2024

“Chi finora ha avuto problemi nell’affrontare il genere del racconto, si faccia avanti perché qui c’è la medicina apposita.”
Enrico Redaelli, radioblablanetwork.net, 23 marzo 2024

“Con stile controllato, illuminato da metafore calibrate e motti, Orti Manara racconta certa ‘gran mestizia’ con lucida, e paradossalmente delicata, inquietudine.”
Alessandro Beretta, la Lettura, 7 aprile 2024

“Orti Manara, nell’inquadrare coppie al capolinea, potenziali omicidi e figli ingabbiati nel ricordo, compie un’azione semplice e meritoria: ci parla di noi, del nostro schiantarci, di un lento e progressivo morire che ci centimetra un giorno alla volta.”
Graziano Sala, treccani.it, 27 marzo 2024

“Un po’ favole nere, un po’ surreali, un po’ ancorati alla realtà di chi vive di lavori occasionali, l’autore propone una serie di ritratti di personaggi persi dietro i loro demoni, impegnati a non mostrare al mondo l’oscurità che li contiene e li domina.”
Marilena Votta, storygenius.it, 26 febbraio 2024

“In ognuna di queste storie c’è sempre un portale su una dimensione altra, forse rimossa o forse fantastica, alla quale i personaggi cercano con tutte le loro forze di avere accesso per riuscire a restare a galla.”
Livio Partiti, ilpostodelleparole.it, 25 febbraio 2024

“Una raccolta di dodici racconti indipendenti, piuttosto brevi ma parecchio densi perché, anche se durano un attimo, riescono a concentrare in un pugno di parole dei microcosmi esaustivi, popolati da personaggi ben delineati, specifici e mai trascurati.”
Martina Parenti, la Regione, 15 febbraio 2024

“Un elogio dell’incapacità umana di liberarsi da un assillo perpetuo, che si tramuta in incubo, tormento, mania, frustrazione, nella tensione perenne tra un passato irraggiungibile e un presente paludoso.”
Alice Pisu, osservatoriocattedrale.com, 12 febbraio 2024

“Frustrazione e paura palpitano in ogni storia, ma forse è proprio questo lo scopo dei personaggi: imparare a farci i conti, carezzando le delusioni e accettando l’incompiuto, non negarsi gli sprazzi di vita che pur resistono fra le mancanze.”
Annalisa De Simone, Il Riformista, 24 gennaio 2024

“Il più bello dei mari è quello che non navigammo, ma certamente il più oscuro e procelloso è la psiche, che Orti Manara, con sensibilità commovente, indaga portandoci con mano sicura nelle vite reali, vere o verosimili dei suoi personaggi: racconti umani e bellissimi, affreschi vividi della tragicommedia dell’esistere. Da non perdere.”
Gabriele Ottaviani, convenzionali.wordpress.com, 16 gennaio 2024

“Sono racconti di un’umanità viva e disperata che trova sempre un modo di adattarsi e sopravvivere.”
Claudio Tortarolo,Satisfiction, gennaio 2024

“In queste storie la realtà è intrisa di traumi, ferite e autoinganni.”
Redazione, Il Libraio, 27 dicembre 2023

 

 

 

 

 






Torna a Michele Orti Manara
Torna a Agenzia letteraria



















 
Test di obliquità
luoghi obliqui
obliquità per gli altri
dicono di Oblique