Oblique Studio, editoria e passione, studio editoriale e agenzia letteraria
oblique studio, artigianato e passione





facebook   you tube   Oblique Studio su Google+  
I libri di Oblique
Greenwich e Gog, collane per Nutrimenti
I nostri libri con 66thand2nd
Watt magazine

Oblique è per il
software libero





sitemap
 
 

Oblique è agenzia letteraria

Oblique su D
8x8
editoria digitale, ebook
parole oblique
dicono di Oblique
 

.
Quotidiani e periodici

201820172016201520142013201220112010 2009 20082007 – 2006

La rassegna stampa di Oblique è uno sguardo trasversale, parziale, incompiuto tra le pagine di quotidiani e periodici. Ogni quindici giorni Oblique seleziona, taglia, raggruppa, ricopia. E ripubblica.
Volete pubblicare un vostro contributo narrativo inedito? Leggete qui.


1-20 dicembre 2006: «Tipica, stuporosa catatonia» prefestiva. Tra pesci morti e scrittrici invisibili, vite agre e piene di dolore, bilanci e consuntivi di fine anno. Quel che ci vuole è una lunga passeggiata, in compagnia di un amico.

15-30 novembre 2006: «Oggi si accumula l’inesperienza: non si crede più a niente e ci va bene tutto». Però… Una nuova casa editrice anfibia, l’esordio di una nuova collana fuoriformato, il recupero dei classici e i nuovi lemmi d’oltreoceano: c’è qualcuno che – tra nuovi Frankenstein e vecchie bombe – sembra continuare a coltivarla, l’esperienza

1-15 novembre 2006: tira una brutta aria, all’inizio: odio razziale, disillusione, solitudine, sfascio. Poi arrivano i vecchi, e un po’ si torna a respirare. Ritorni, rivalutazioni, rivisitazioni. Nel segno del mito.

16-31 ottobre 2006: animali letterari. I draghi, gli ippogrifi e gli unicorni raccontati da Borges. Le iguane e le mantidi convertite alla religione del post-punk. E infine, il lungo serpente adelphiano, giunto alla cinquecentesima puntata.

28 settembre-15 ottobre 2006
: dal Veneto a Istanbul, in un volo tra ricordi, infanzia, memorie. Un grande scrittore vince il Nobel, un altro si diverte post-mortem, un altro ancora gioca con la sua vita denunciando i mali d’Italia

16-27 settembre 2006: “Sta arrivando l’inverno, bisogna mettere da parte un po’ di provviste”. Lo dice uno dei nostri protagonisti, quasi alla fine. Prima ci sono storie del passato, indagini sul presente e feticismi da bibliofili.

1-15 settembre 2006: c’è chi svela i trucchi del mestiere e chi stila decaloghi. Chi parla di fusioni aziendali e chi, con poca fantasia, spara sulla croce rossa. C’è chi parla del futuro e chi, cocciuto, continua a rimanere nell’ombra.

18 agosto-31 agosto 2006 : un piccolo dibattito interno, poi spazio ai mostri sacri.
Fine estate all'insegna del ritratto.

5 agosto-18 agosto 2006: Butor e i medici perbene, vecchi beat, nostalgia, le città eterne e tutto ciò che eterno non è.

9 luglio-3 agosto 2006: le inquietudini del maestro Longanesi, i pruriti del maestro Califano, le difficoltà di coloro che in editoria si credevano già maestri.

21 giugno-8 luglio 2006: tra aragoste, fermenti spagnoli e vecchie streghe.

5 giugno-20 giugno 2006: voci della narrativa italiana contemporanea. Il ricordo di un uomo elegante. E il racconto di una storia d’altri tempi. Ma, prima di tutto, ancora poesia.

25 marzo-3 giugno 2006: dal fenomeno Terzani alla delirante Gomorra di Saviano, passando attraverso i tormenti dell’aspirante scrittore, gli ultimi mohicani della lirica, e il ricordo sempre vivo della generazione battuta.

 

 

 

 



bussolaDicono di Oblique | Rassegna di Greenwich | Rassegna di Gog

Home
Vuoi essere avvertito quando c’è una nuova rassegna stampa? Clicca qui e iscriviti alla newsletter stampa