Oblique Studio, editoria e passione, studio editoriale e agenzia letteraria
oblique studio, artigianato e passione





facebook   twitter   instagram  
I libri di Oblique
Greenwich e Gog, collane per Nutrimenti
I nostri libri con 66thand2nd
Watt magazine

Oblique è per il
software libero





sitemap
 
 

Oblique è agenzia letteraria

Oblique su D
8x8
editoria digitale, ebook
parole oblique
dicono di Oblique
 

.
Quotidiani e periodici

201820172016201520142013201220112010 – 2009 – 200820072006

La rassegna stampa di Oblique è uno sguardo trasversale, parziale, incompiuto tra le pagine di quotidiani e periodici. Ogni quindici giorni Oblique seleziona, taglia, raggruppa, ricopia. E ripubblica.
Volete pubblicare un vostro contributo narrativo inedito? Leggete qui.


1-31 dicembre: “Tu hai creato un’impresa che vale assai più della mia, che è stata e sarà ancora una fiaccola luminosa nella vita spirituale italiana”. Luigi Einaudi al figlio Giulio

1-30 novembre: “Dici che devi avere dei soldi. Ma che c’entrano i soldi coi libri? Soldi e libri, purtroppo, appartengono a due universi diversi, non comunicanti”. Italo Calvino a Leonardo Sciascia

1-31 ottobre: “La mia aspirazione finale è contemplare un film che scorre lungo le pagine dei miei libri”. Jean Echenoz

1-30 settembre
: “Leggo molti romanzi, ma quando scrivo non sono interessata a rimanere a lungo con i personaggi”. Amy Hempel

1-31 agosto: “…quella che Dostoevskij chiamava la “sfrontatezza dell’ingenuità” è ormai la sfrontatezza dell’ignoranza elevata a sistema”. Massimiliano Parente

1-30 luglio: “Non scommetterei un soldo sulle nostre vite. La barbarie è arrivata al potere. Non fatevi illusioni: l’inferno regna”. Joseph Roth

1-30 giugno: “Mettete insieme due scrittori, un poeta e tre giornalisti e avrete un’idea di che cosa siano la meschinità, la gelosia e l’invidia”. Luigi Mascheroni

1-31 maggio: “Un editore deve sempre essere libero e coraggioso”. André Schiffrin

1-30 aprile 2009
: “Io m’intendo d’agricoltura, ma non ne capisco molto di editoria. Per me resta una cosa magica e per affrontare questa questione è meglio che si rivolga ad altri miei collaboratori”. Nikita Krusciov a Giulio Einaudi

1-31 marzo 2009: “Il ’68 ha distrutto l’estetica, introducendo una finta controcultura politically correct in base alla quale basta essere un’esquimese lesbica per valere di più come scrittore”. Harold Bloom

1-28 febbraio 2009: “L’Italian Psycho non è lo yuppie di Bret Easton Ellis che esce e uccide i barboni, ma è un ragazzetto innamorato, che scrive sotto casa lettere d’amore con lo spray alla fidanzata, le fa il regalo a San Valentino e quando sta con gli amici scambia uno stupro per qualcosa di carino e pensa che in fondo dare fuoco a un marocchino non sia particolarmente terribile”. Niccolò Ammaniti

1-31 gennaio 2009: “Quando bisognava disegnare una collana arrivava da Milano Bruno Munari: minuto, chiome candide, occhialini, la voce da gnomo. Disponeva sul tavolo rotondo del mercoledì i bozzetti. Paziente, sorrideva, prendeva le forbici, tagliava, tirava linee, faceva volteggiare una matita sottilissima con la grazia di un’étoile del balletto”. Ernesto Ferrero

 

 

 



bussola Dicono di Oblique | Rassegna di Greenwich | Rassegna di Gog

Home
Vuoi essere avvertito quando c’è una nuova rassegna stampa? Clicca qui e iscriviti alla newsletter stampa